.               

L'inconscio con i suoi significati (poco importa se derivati dalle informazioni genetiche destinate allo sviluppo psichico o frutto di elaborazioni secondarie del cervello) traccia la strada alla coscienza.

Ed ai comportamenti dell'ego.

Ma la coscienza del S non da meno.

Essa orienta con le sue informazioni quelle elaborazioni secondarie complessive e ci induce l'inconscio, in qualche modo, a mutare esso pure.

E, ma da accertare, possibile che ci retroagisca a feedback in qualche modo con il codice genetico il quale muta sotto la spinta dell'evoluzionismo ma forse pu mutare anche sotto una spinta a retroazione sotto lazione di quei mutamenti.

Se ci vale per la coscienza del S anche possibile che la coscienza dissociata, agita dai suoi complessi di castrazione, retroagisca su quel codice.

Con conseguenze inimmaginabili, o forse facilmente immaginabili,  dato l'orrore delle informazioni in possesso di quelle coscienze malate.

                                            (scritto il 19/1/24)

 

 

 

 

 

 


 

Torna alla home pageTorna alla pagina indici Febbraio 1924